Eventi
Protezione dei consumatori
Tutela del Made in Italy

IN QUESTA LEGISLATURA ETICHETTA ORIGINE EUROPEA SUGLI ALIMENTI. Lo chiede il 53% dei consumatori europei

3 Dicembre 2019

“La maggioranza dei consumatori europei vuole conoscere l’origine dei prodotti che acquistiamo e arrivano sulle nostre tavole. Come Parlamento europeo lavoriamo in questa nuova legislatura per introdurre un quadro normativo obbligatorio a livello europeo, che imponga l’indicazione di origine sui prodotti agroalimentari”. Così Paolo De Castro, coordinatore S&D alla commissione Agricoltura del Parlamento europeo, concludendo la due-giorni di lavoro che il Global Food Forum organizzato da Farm Europe ha dedicato alle sfide che attendono l’agroalimentare europeo.

Per De Castro, “solo una legislazione unica potrà affrontare adeguatamente anche l’importante tema delle indicazioni nutrizionali in etichetta, mettendo fine ai sistemi volontari che semplificano eccessivamente le informazioni con una etichetta a colori – come il sistema a ‘semaforo’ inglese o il ‘nutriscore’ francese – che non offre indicazioni sui nutrienti presenti e scientificamente valide al consumatore”. “Sono sistemi – precisa l’eurodeputato Pd – che commettono l’errore di differenziare i cibi tra ‘buoni’ e ‘cattivi’, condizionando le scelte di chi acquista e paradossalmente facendo il gioco dei produttori extra-europei. Del resto, come spiegare che su Grana Padano e olio d’oliva extra vergine venga posto un bollino rosso, perché considerati prodotti non salutari, e su una bibita gasata light il bollino verde, promuovendola a pieni voti?”.

Per De Castro “è quindi necessario che sulla confezione di ogni alimento venga riportato in percentuale l’impatto nutrizionale di una porzione di quello stesso alimento, rispetto alla dieta giornaliera di un individuo. Da questo punto di vista – precisa l’eurodeputato – pare più coerente il sistema di etichettatura a ‘batteria’ che il Governo italiano ha recentemente presentato a Bruxelles”.

“Esaltare un’informazione al consumatore chiara e scientificamente valida – conclude De Castro – è da sempre una nostra battaglia, che va a favore non solo dei nostri produttori e consumatori, ma di tutta la filiera agroalimentare di qualità in Europa”.

IN QUESTA LEGISLATURA ETICHETTA ORIGINE EUROPEA SUGLI ALIMENTI. Lo chiede il 53% dei consumatori europei ultima modifica: 2019-12-03T16:35:21+01:00 da redazione