Politica Agricola Comune (PAC)

No a riforma Pac che calpesta competenze Parlamento europeo

9 ottobre 2018

L’attuale proposta di riforma della Politica agricola comune dopo il 2020 è impostata sulla negoziazione diretta tra Esecutivo Ue e Stati membri, svuotando la ComAgri del Parlamento europeo delle sue competenze in materia di riforma della Pac. Non solo. Anche le Regioni sono messe fuori gioco, e al rischio di rinazionalizzazione della Pac si aggiunge quello di una centralizzazione delle decisioni a livello nazionale. Oggi i capigruppo politici all’Europarlamento hanno riconosciuto i rischi a cui stiamo andando incontro nel definire il futuro della più importante politica europea, decidendo di organizzare il prima possibile un dibattito in ComAgri sulle implicazioni istituzionali del documento sul tavolo delle istituzioni Ue, come annunciato dal Presidente Siekierski (Ppe, PL) durante l’audizione pubblica sul ‘Futuro della PAC’ organizzata dall’Eurocamera.​ ​
La struttura immaginata dall’Esecutivo Ue per riformare l’agricoltura europea indebolisce il nostro ruolo di eurodeputati, che siamo gli interlocutori più diretti delle richieste che giungono dai territori, che facciamo nostre affinché le decisioni europee tengano conto delle specificità e dei bisogni di tutti. Insomma in quanto co-legislatori non intendiamo finire calpestati nelle nostre prerogative. La Pac rappresenta lo zoccolo duro dell’Ue, presente con il mondo rurale nel 50% dei nostri territori, ed è alla base della prima industria comunitaria, quella agroalimentare che dà lavoro a 44 milioni di addetti. Ha diritto alla più alta considerazione.

No a riforma Pac che calpesta competenze Parlamento europeo ultima modifica: 2018-10-09T17:33:35+00:00 da redazione
DALL'OMNIBUS ALLA RIFORMA DI MEDIO TERMINE DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE

DALL'OMNIBUS ALLA RIFORMA DI MEDIO TERMINE DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE

Cosa cambia per l'agricoltura italiana