Sostegno alle imprese agricole

Ripristino dazi Ue su riso giustificati e indispensabili per produttori

15 Gennaio 2019

Fumata bianca in arrivo domani a Bruxelles sul ripristino dei dazi Ue alle importazioni di riso dalla Cambogia e dal Myanmar. Una decisione giustificata e indispensabile per la sopravvivenza della risicoltura italiana ed europea, come più volte sottolineato dall’Ente Nazionale Risi. Alla vigilia dell’attesa conclusione della procedura scritta dell’Esecutivo Ue che permetterà di fare scattare i dazi all’import di riso dai due Paesi asiatici, probabilmente già il 18 gennaio la vicenda del riso dimostra come in Europa, quando si è confrontati a situazioni che appaiono impossibili, il gioco di squadra permette di portare a casa i risultati voluti. Gli esiti ottenuti sono frutto di un lavoro di squadra iniziato nel luglio 2017 con l’invio, da parte della delegazione Pd al Parlamento europeo, di una lettera di denuncia alla Commissaria Ue al commercio Cecilia Malmström, seguita da un dossier dei ministri del Governo Gentiloni, Maurizio Martina e Carlo Calenda, e in seguito dal sostegno dell’attuale ministro per le politiche agricole, agroalimentari Gian Marco Centinaio.  Un dossier difficile in quanto i due Stati asiatici rientrano nell’accordo tra l’Unione europea e Paesi in via di sviluppo (Eba), i quali possono esportare in Europa senza dazi, tutto fuorché le armi. Insomma  la vicenda del riso dimostra ancora una volta che più che i pugni sul tavolo, conta la solidarietà dei partner che ci hanno sostenuto.

Ripristino dazi Ue su riso giustificati e indispensabili per produttori ultima modifica: 2019-01-15T19:29:54+02:00 da redazione