Educazione alimentare e lotta agli sprechi

Spotlight on food security

15 Ottobre 2018

Articolo pubblicato su The Parliament Magazine, 15 ottobre 2018
Spotlight on food security

How you believe the EU should tackle the issue of hunger and malnutrition, especially in relation to encouraging more sustainable food production in the agricultural sector
The topic of food security has returned to centre stage: that is not to say the problem did not exist before since hunger has continued, despite the technical progress recorded in recent decades, to torment hundreds of millions of people in the world’s poorer areas. Great responsibility falls on the shoulders of wealthier nations, whose commitment in combating hunger in the world has been insufficient both in terms of resources and that of instruments.
In this particular regard, tackling the global food security challenge must remain a political priority for the European Union. Nowadays that we are facing the increase of population and new, “demanding” dietary styles, we are called upon to find effective solutions related to our planet’s capacity to satisfy this substantial increase in food demand. I would like to draw your attention on the fact that the problem is not scarcity, but the inequitable distribution of food resources.
We must be brave, responsible and realistic: we will have to produce more food under more difficult conditions than in the past, as the cost of inputs -such as energy and fertilisers- is continuing to grow and climatic conditions seem likely to become less favourable.
The contribution of research and innovation is therefore decisive, as well as cooperation for a more equitable and sustainable development
ICTs, for example, play an important role in fostering local, national and global food security and inclusive rural development by enhancing production and productivity, lowering operating costs, facilitating access to markets, information, credit, and capacity-building, among other things. At the same time, they play a key role in opening new and more challenging opportunities for rural people, especially young people.
Last, but not least, ICTs can also help governments and development organizations working to enhance food security and agricultural development in the world to improve their work by accessing better information as well. It is evident that by accessing timely and reliable information, farmers in poor areas can go from being dependent on the information provided by middlemen to being independent negotiators and deal-makers, also enhancing their bargaining position.
For similar reasons, we need to stronger support research in order to help farmers in growing new varieties and different crop mixes, giving them the information they need to manage the unfamiliar pests and diseases that may attack their plants. Let’s think about the potential of new breeding techniques which enable the development of more productive and more nutritious food crops, improving traits such as pest, salinity and drought resistance, or boosting nutritional content. Although it seems so clear to me that the future of EU farming lies in innovation, it is not something that we can take for granted; this is why there is an urgent need for European policymakers to ensure European industry and European farmers can participate in responding to global and local agricultural challenges by having access to biotechnology through a predictable and functioning approval system
Finally, we should encourage cooperation among farmers as farmers’ organisations play a key role in reducing poverty and enhancing food and nutrition security. We should work harder so that to involve them at all levels, from the local to the international one, in order to allow farmers to be heard and better included in the decision-making process. Moreover, we should bear in mind that farmers’ organisations also help to empower women and youth in agricultural production. EU cooperation is a key factor to promote equitable distribution of investment returns and to enable small farmers to overcome their systemic weaknesses.
Moving to conclusion, I would like to underline a basic but essential point: food security exists when all people, at all times, have physical, social and economic access to sufficient, safe and nutritious food to meet their dietary needs and food preferences for an active and healthy life. This definition implies necessarily that people will only be food secure when sufficient food will be available, people will have access to it, and it will be properly consumed and not wasted.
We should keep on working on adaptation strategies and policy responses to global change, including options for handling water allocation, land use patterns, food trade, post-harvest food processing, and food prices and safety are urgently needed. They will be vital to improve the living conditions of farmers and rural populations across the globe.

Traduzione in italino
In che modo credi che l’UE debba affrontare il problema della fame e della malnutrizione, in particolare in relazione all’incentivazione di una produzione alimentare più sostenibile nel settore agricolo
Il tema della sicurezza alimentare è tornato al centro dell’attenzione: non che prima il problema non esistesse, nonostante i progressi tecnici registrati negli ultimi decenni, la fame continua a tormentare centinaia di milioni di persone nelle aree più povere del mondo. Una grande responsabilità ricade sulle spalle delle nazioni più ricche, il cui impegno nel combattere la fame nel mondo è stato insufficiente in termini sia di risorse sia di strumenti.
Sotto questo aspetto particolare, affrontare la sfida della sicurezza alimentare globale deve rimanere una priorità politica per l’Unione europea. Oggi che siamo di fronte all’aumento della popolazione e a nuovi stili alimentari “esigenti”, siamo chiamati a trovare soluzioni efficaci legate alla capacità del nostro pianeta di soddisfare questo aumento sostanziale della domanda di cibo. Vorrei attirare la vostra attenzione sul fatto che il problema non è la scarsità, ma l’iniqua distribuzione delle risorse alimentari.
Dobbiamo essere coraggiosi, responsabili e realistici: dovremo produrre più cibo in condizioni più difficili rispetto al passato, poiché il costo degli input – come energia e fertilizzanti – sta continuando a crescere e le condizioni climatiche potrebbero diventare meno favorevoli .
Il contributo della ricerca e dell’innovazione è quindi decisivo, così come la cooperazione per uno sviluppo più equo e sostenibile.
Le TIC, ad esempio, svolgono un ruolo importante nel promuovere la sicurezza alimentare locale, nazionale e globale e lo sviluppo rurale inclusivo, migliorando la produzione e la produttività, riducendo i costi operativi, facilitando l’accesso ai mercati, all’informazione, al credito e allo sviluppo di capacità, tra le altre cose. Allo stesso tempo, svolgono un ruolo chiave nell’aprire nuove e più stimolanti opportunità per le popolazioni rurali, specialmente per i giovani.
Infine, ma non meno importante, le TIC possono anche aiutare i governi e le organizzazioni di sviluppo che lavorano per migliorare la sicurezza alimentare e lo sviluppo agricolo nel mondo per migliorare il loro lavoro, accedendo anche a migliori informazioni. È evidente che, accedendo a informazioni tempestive e affidabili, gli agricoltori delle aree povere possono passare dall’essere dipendenti dalle informazioni fornite dagli intermediari ai negoziatori indipendenti e ai negoziatori, migliorando anche la loro posizione negoziale.
Per ragioni analoghe, è necessario rafforzare la ricerca di supporto per aiutare gli agricoltori a coltivare nuove varietà e diversi mix di colture, fornendo loro le informazioni necessarie per gestire i parassiti e le malattie non familiari che possono attaccare le loro piante. Pensiamo al potenziale delle nuove tecniche di allevamento che consentono lo sviluppo di colture alimentari più produttive e più nutrienti, migliorando caratteristiche come la presenza di parassiti, salinità e siccità o aumentando il contenuto nutrizionale. Anche se mi sembra così chiaro che il futuro dell’agricoltura europea risiede nell’innovazione, non è qualcosa che possiamo dare per scontato; questo è il motivo per cui i responsabili politici europei hanno l’urgenza di garantire all’industria europea e agli agricoltori europei di partecipare alle sfide agricole globali e locali attraverso l’accesso alle biotecnologie attraverso un sistema di approvazione prevedibile e funzionante.
Infine, dovremmo incoraggiare la cooperazione tra gli agricoltori poiché le organizzazioni di agricoltori svolgono un ruolo chiave nella riduzione della povertà e nel miglioramento della sicurezza alimentare e nutrizionale. Dovremmo impegnarci di più per coinvolgerli a tutti i livelli, da quello locale a quello internazionale, al fine di consentire agli agricoltori di essere ascoltati e meglio inclusi nel processo decisionale. Inoltre, dovremmo tenere presente che le organizzazioni di agricoltori contribuiscono anche a rafforzare le donne e i giovani nella produzione agricola. La cooperazione dell’UE è un fattore chiave per promuovere un’equa distribuzione dei rendimenti degli investimenti e consentire ai piccoli agricoltori di superare le loro debolezze sistemiche.
Passando alle conclusioni, vorrei sottolineare un punto fondamentale ma essenziale: la sicurezza alimentare esiste quando tutte le persone, in ogni momento, hanno accesso fisico, sociale ed economico a cibo sufficiente, sicuro e nutriente per soddisfare i loro bisogni dietetici e le loro preferenze alimentari per un vita attiva e sana. Questa definizione implica necessariamente che le persone saranno sicure solo quando sarà disponibile cibo sufficiente, le persone avranno accesso ad esso e saranno correttamente consumate e non sprecate.
Dovremmo continuare a lavorare sulle strategie di adattamento e le risposte politiche ai cambiamenti globali, comprese le opzioni per gestire l’assegnazione delle risorse idriche, i modelli di uso del suolo, il commercio di prodotti alimentari, la trasformazione degli alimenti dopo la raccolta, i prezzi degli alimenti e la sicurezza. Saranno fondamentali per migliorare le condizioni di vita degli agricoltori e delle popolazioni rurali in tutto il mondo.

Spotlight on food security ultima modifica: 2018-10-15T13:49:59+02:00 da redazione